Progetto Locale Protetto: il corso di formazione gratuito sulle manovre antisoffocamento, del primo soccorso e massaggi cardiaci rivolto agli operatori del settore della ristorazione organizzato dagli infermieri di Arezzo Opi.

Lunedì 15 novembre all’auditorium de “Le Santucce”

Data di pubblicazione:
13 Novembre 2021
Progetto Locale Protetto: il corso di formazione gratuito sulle manovre antisoffocamento, del primo soccorso e massaggi cardiaci rivolto agli operatori del settore della ristorazione organizzato dagli infermieri di Arezzo Opi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“In questi anni di emergenza sanitaria e di chiusure forzate abbiamo intrapreso una stretta collaborazione con le nostre attività di vicinato sia nell’organizzazione di progetti per incentivare gli acquisti e le vendite sia nel creare iniziative che possono contribuire ad avere un’attività oltre che unica del suo genere anche in grado di fornire dei servizi aggiuntivi verso i propri clienti”. Così l’assessore alle Attività Produttive, Francesca Sebastiani, illustrando l’iniziativa “Locale Protetto” rivolta agli operatori del settore della ristorazione. Lunedì prossimo, 15 novembre, presso l’auditorium “le Santucce” gli infermieri di Arezzo Opi terranno un corso di formazione gratuito sulle manovre antisoffocamento, del primo soccorso e massaggi cardiaci. L’iniziativa, che ha il patrocinio del comune di Castiglion Fiorentino, ha come scopo il contrasto del fenomeno delle morti per soffocamento accidentale, spesso imputate al cibo, andando ad insegnare alle persone, che per  motivi di lavoro presidiano i luoghi di ristorazione, quelle manovre salvavita che se messe tempestivamente in atto possono evitare che un semplice incidente degeneri in un evento fatale. Si pensi che in Italia ogni anno rischiano di morire per soffocamento tra le 50.000 e le 80.000 persone. Tra il 60% e l’80% degli episodi dei casi il soffocamento è imputabile al cibo e  più di 50 persone ogni anno (oltre 1 a settimana), in grande maggioranza bambini, perdono la vita per l’ostruzione delle vie aeree. La fascia più esposta è quella dei bambini tra 1 anno e 3 anni di età. Ogni anno in Europa circa 500 bambini muoiano soffocati. “Abbiamo accolto molto volentieri questo progetto che riteniamo necessario per rafforzare sia il percorso verso una salute consapevole che fornire ai nostri commercianti gli strumenti per un’accoglienza sicura. Il fine ultimo di questa iniziativa è quella di rendere i nostri locali virtuosi con il progetto Locale Protetto oltre che dare un ulteriore servizio a tutti gli avventori” conclude l’assessore alle Attività produttive, Francesca Sebastiani. Alla fine della Formazione verrà consegnato un attestato di partecipazione al corso di formazione BLSD con la vetrofania del Logo individuato da apporre sulla porta d’ingresso del locale.

Ultimo aggiornamento

Martedi 20 Settembre 2022